8 marzo 2022: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA “UNA LUCE PER LA SPERANZA”- Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil Lecce a sostegno delle donne e dei bambini ucraini

8 marzo 2022: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA  “UNA LUCE PER LA SPERANZA”-  Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil Lecce a sostegno delle donne e dei bambini ucraini

Piazza S. Oronzo, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, si colorerà di blu e di giallo, i colori della bandiera dell’Ucraina, per testimoniare la vicinanza e la solidarietà a tutte le donne ed i bambini ucraini che subiscono il dramma di una guerra insensata che vede quotidianamente cadere civili innocenti.
Cgil, Cisl e Uil Lecce hanno scelto di dare vita ad una fiaccolata che avrà inizio a partire dalle ore 18.00. Una manifestazione che rappresenta l’abbraccio nei confronti di madri, lavoratrici, studentesse che sono state costrette a fuggire per mettere in salvo la propria vita e quella dei loro cari o che hanno scelto coraggiosamente di rimanere a combattere per difendere dall’aggressione russa le proprie case e i loro affetti.
A partire dalla giornata dell’8 marzo, Cgil Cisl e Uil Lecce aderiranno a tutte le iniziative poste in essere dalle rispettive confederazioni nazionali a sostegno dei progetti umanitari per i profughi e le famiglie coinvolti nel conflitto bellico che si è scatenato nel cuore dell’Europa.
Si faranno promotrici, inoltre, presso le tante sedi comunali e zonali, di una raccolta di beni di prima necessità per donne e bambini. Sosterranno anche la campagna di solidarietà promossa dal Comune di Lecce.
«Una scelta che rappresenta un modo concreto di essere parte attiva della nostra Storia – affermano in una nota congiunta Valentina Fragassi, Ada Chirizzi e Lucia Orlando – e che vuole testimoniare, in maniera distante da ogni retorica, la vicinanza del mondo del lavoro ad ogni donna».
L’iniziativa è sostenuta dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Lecce che aderirà alla fiaccolata di Piazza S. Oronzo.

 

Categorie:
Condividi l'articolo
Stampa o scarica l'articolo
Print Friendly, PDF & Email