Incidente mortale sul lavoro in via Parini a Lecce, le dichiarazioni di Ada Chirizzi, Segretario Generale della Cisl di Lecce, Raimondo Zacheo, Segretario Generale Filca Cisl Lecce, Donato Congedo, Presidente Co.Co.Pro. Inail Lecce

Incidente mortale sul lavoro in via Parini a Lecce, le dichiarazioni di Ada Chirizzi, Segretario Generale della Cisl di Lecce, Raimondo Zacheo, Segretario Generale Filca Cisl Lecce, Donato Congedo, Presidente Co.Co.Pro. Inail Lecce

Ada Chirizzi, Segretario Generale della Cisl di Lecce:
Dinanzi all’ennesima tragedia sul lavoro, in uno dei settori più a rischio, ovvero quello dell’edilizia, la vicinanza sentita al dolore dei familiari di chi ha perso la vita non può bastare. Non riteniamo più possibile assistere in maniera inerme, quasi rassegnata, a ciò che sta accadendo con frequenza quasi settimanale. È ormai inaccettabile la scia di sangue che sta investendo la provincia di Lecce con l’ennesimo incidente mortale in un cantiere edile. La sicurezza e la tutela della salute nei luoghi di lavoro devono essere, lo ribadiamo con forza, la priorità nell’azione da parte del Governo in tema di lavoro. È necessario intensificare i controlli e inasprire le sanzioni ma bisogna soprattutto rafforzare la formazione e investire nella cultura della prevenzione. La qualificazione delle imprese con la patente a punti e una norma premiale per quelle in regola possono aiutare a fermare questa strage senza fine.

Raimondo Zacheo, Segretario Generale Filca Cisl Lecce
Una scia di sangue continua a segnare il lavoro nella nostra provincia. Continuiamo a pagare un prezzo altissimo. Siamo a commentare un’altra morte bianca! Non è possibile! Nell’esprimere ancora una volta sentimenti di solidarietà e vicinanza alla famiglia del lavoratore deceduto, nella nostra mente riecheggia la notizia della sua età. 72 anni! Cosa ci faceva un lavoratore, a qualsiasi titolo lo fosse, su una impalcatura a 72 anni? E le considerazioni ed i pensieri si sovrappongono. Quali le necessità? E quali le responsabilità? Come poteva essere evitato?
Siamo stanchi di pagare con il sangue dei nostri lavoratori inadempienze da parte di chi la sicurezza la percepisce o la considera solo come un costo. NON CI STANCHEREMO MAI DI RIPETERLO. Dobbiamo far prevalere una cultura della sicurezza. Sempre!.

Donato Congedo, Presidente Co.Co.Pro. Inail Lecce
Non riteniamo possibile che il boom che il settore edilizio ha avuto grazie agli ecobonus, insieme al rilancio dell’occupazione, presenti come triste risvolto della medaglia quello dell’aumento vertiginoso di incidenti mortali. Notiamo sempre più spesso che gli incidenti riguardano ormai lavoratori non più giovanissimi: non è possibile che lavoratori anziani siano ancora impiegati in attività così pericolose e gravose come quelle del settore edile. Vanno innanzitutto riconosciute e premiate le imprese virtuose che rispettano le norme sulla sicurezza a differenza di chi non si attiene ai minimi criteri e ai minimi standard necessari per evitare infortuni. Invitiamo i lavoratori che operano in cantieri non a norma sulle misure di sicurezza a contattare gli Rlst, ovvero i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriale, che hanno proprio il compito di verificare il rispetto delle norme sulla sicurezza mediante sopralluoghi in cantiere“.

 

Link: https://www.leccenews24.it/cronaca/non-si-puo-morire-a-72-anni-cadendo-da-un-ponteggio-di-5-metri-la-rabbia-dei-sindacati-del-salento.htm

 

Categorie: ,
Condividi l'articolo
Stampa o scarica l'articolo
Print Friendly, PDF & Email