DICHIARAZIONE A VERBALE

DICHIARAZIONE A VERBALE

DICHIARAZIONE A VERBALE
(Che la Cisl Fp farà mettere a verbale nel corso della riunione di questa sera presso la Direzione generale dell’Asl in via Miglietta)

Nel corso della riunione di questa sera, 2 settembre 2011, avente ad oggetto comunicazioni inerenti la Società Service della Asl Lecce , la Cisl Fp di Lecce, nel dichiarare la propria  disponibilità ad  eventuali ulteriori  acquisizioni di spazi  e conseguentemente di ulteriori internalizzazioni di personale,  la Cisl Fp intende precisare quanto appresso:
1. La Legge Regionale n° 4 del 25/10/2010, all’art. 30 modificativo dell’art. 25  della Legge Regionale 25/07 così recita ( omissis ……….  Art. 25 – Utilizzo personale delle imprese appaltatrici e società strumentali  comma  1. Fatte salve le previsioni della contrattazione collettiva ove più favorevoli, le Regioni , gli enti , le aziende e le società strumentali della Regione Puglia devono prevedere  nei bandi di gara, negli avvisi e, in ogni caso, nelle condizioni di contratto per l’affidamento dei servizi l’assunzione a tempo indeterminato del personale già utilizzato dalla precedente impresa o società affidataria dell’appalto nonché la garanzia  delle condizioni economiche e contrattuali già in essere, ove più favorevoli. 
2. Con la deliberazione n° 1140 del 22/04/2010 l’ASL Lecce ha predisposto il Business Plan, della Società in Hose che all’interno prevede anche   i costi del personale  da assumere in ragione di n° 680 unità con orario  annuale pro capite di 1600 ore.
Attualmente circa il 30% del personale internalizzato che ha un rapporto di lavoro inferiore a quello definito dalla deliberazione n° 1140. Tale situazione crea un evidente discriminazione fra il personale stesso e determina un  notevole accantonamento di risorse di risorse rispetto a quelle previste dalla  citata delibera 1140.
In merito al parere sulla possibilità di internalizzare anche gli spazi comuni, rimasti alla gestione delle vecchie imprese, la Cisl Fp nel  ribadire quanto già espresso nella riunione sindacale del 14 giugno 2010, e ripreso dalla deliberazione n° 2304 del 28 luglio 2010 circa la totale internalizzazione del personale con scorrimento delle graduatorie,  si dichiara favorevole alla acquisizione  alla Società in House degli ulteriori spazi  comuni oggi in gestione alle società private.
In effetti la situazione attuale genera notevoli conflitti di competenza fra il personale internalizzato e quello che si occupa degli spazi comuni ed inoltre la spesa annua attualmente sostenuta per tali incombenze  è quantificabile in circa  un milione di Euro, che ovviamente  potranno essere utilizzati per coprire i costi  del personale da  internalizzare determinando ulteriore risparmio per l’Azienda.
Inoltre è bene precisare che a fronte di  quanto previsto dalla più volte citata delibera n°1140/10, che prevedeva per tutto il personale un orario di lavoro pari a 1600 ore annue, la situazione attuale e fortemente squilibrata in quanto circa il 30 % del personale dipendente dalla Società in House è ancora al di sotto delle 25 ore  settimanali di impegno.
Tale situazione non è più tollerabile per questo si chiede che tutto il personale venga adeguato all’orario previsto di 1600 ore annue, in modo da poter avere una migliore organizzazione del lavoro, un utilizzo più proficuo dei lavoratori , minori  conflitti tra gli stessi operatori e in ultima analisi certamente un maggiore e migliore  risultato in termini sia di immagine che di igiene delle strutture dell’Azienda.   
In conclusione è opportuno:
Far acquisire dalla società in house, il servizio di pulizia degli spazi comuni, internalizzando il personale impegnato nello stesso servizio, con la spesa che attualmente viene impegnata per il pagamento delle ditte private.
Far adeguare il numero delle ore assegnate ai lavoratori, per la pulizia degli spazi interni, per quanto disposto dal Business Plan deliberazione n° 1140 del 22 aprile 2010 dell’Asl di Lecce.

Lecce, 2 settembre 2011        Il Segretario Generale – Giuseppe Melissano

Categorie:
Condividi l'articolo
Stampa o scarica l'articolo
Print Friendly, PDF & Email