Due Vigili del Fuoco ricoverati dopo aver domato gli incendi nelle aree pinetate di Maglie, Scalzo: “Far partire le squadre AIB dal 1° luglio è assolutamente tardivo. Il Salento ha bisogno di più squadre e in tempi più rapidi”

Due Vigili del Fuoco ricoverati dopo aver domato gli incendi nelle aree pinetate di Maglie, Scalzo: “Far partire le squadre AIB dal 1° luglio è assolutamente tardivo. Il Salento ha bisogno di più squadre e in tempi più rapidi”

Nella giornata di oggi due Vigili del Fuoco sono stati ricoverati rispettivamente negli Ospedali di Scorrano e di Gallipoli a seguito di malesseri avvertiti dopo gli interventi su aree pinetate nella zona di Maglie. L’esposizione al fuoco e al fumo, la disidratazione, le temperature torride hanno fatto la loro triste parte in situazioni in cui il sovraccarico di lavoro, come più volte denunciato, raggiunge livelli di insostenibilità.
“Sperando che i colleghi si rimettano subito – afferma Sergio Scalzo, Segretario Generale della Fns Cisl di Lecceci chiediamo fino a quando potrà proseguire questa situazione. Abbiamo più volte denunciato la carente situazione operativa del Comando dei Vigili del Fuoco di Lecce in relazione allo scenario di eventi calamitosi al fine di rendere partecipe e sensibile il Prefetto e i sindaci dei numerosi comuni salentini.
Si pensi che in questi giorni di grande attività operativa il Comando di Lecce ha dovuto chiedere manforte ai Comandi limitrofi di Brindisi e Taranto (per la carenza di mezzi) al fine di poter dare adeguata risposta alla richiesta di centinaia di interventi di incendi e di altre urgenze a tutela della cittadinanza coinvolta.
Un’emergenza questa che si ripete ogni anno e che in periodi di straordinaria operatività richiede interventi straordinari. Tuttavia – conclude Sergio Scalzo – l’attivazione di 1 squadra aggiuntiva AIB in convenzione con la Regione Puglia a partire dall’ 1/07/2021 ci sembra ancora troppo poco e troppo in là nel tempo. Il Salento ha bisogno di personale a partire dai primi di giugno e non con 30 giorni di ritardo…”

In allegato il comunicato nella versione integrale

 

Categorie:
Condividi l'articolo
Stampa o scarica l'articolo
Print Friendly, PDF & Email